+39 0577 271401 info@sienajazz.it

Scrivono di noi…

Musica Jazz // Marzo 2012 [Italy, Italian] / Imparare il jazz / Autore: Francesco Martinelli // Il decreto con cui la fondazione Siena jazz è autorizzata a rilasciare diplomi di laurea triennale con valore legale, diventando così la prima libera università del jazz italiana, è l’atto finale di un percorso formale durato diversi anni ma ancor più il riconoscimento di una sperimentazione ultratrentennale dell’insegnamento del jazz. L’importante riconoscimento ministeriale è solo una tappa, sia pure decisiva, di un lavoro di lunga lena che richiederà sempre maggiore impegno. [Download PDF ]
Amadeus // Marzo 2012, [Italy, Italian] / Dottor Jazz / Autore: Franco Fayenz // Nasce a Siena la prima “Libera Università del Jazz” d’Italia. E’ stata ufficializzata a Siena la prima “Libera Università del Jazz” d’Italia. Il riconoscimento è arrivato con la firma del decreto ministeriale da parte del Ministero dell’istruzione, dell’Università e della Ricerca, con il quale la prestigiosa istituzione senese, leader della formazione jazzistica, è abilitata a rilasciare titoli accademici di alta formazione al pari dei Conservatori statali e delle istituzioni e Università europee e internazionali con cui collabora da anni. [Download PDF ]
Downbeat // Gennaio 2012 [USA, English] / An Italian Renaissance / Author(s): james Hale// Downbeat, considerata la “bibbia” mondiale del jazz, fondata negli anni Trenta, è ancora la più autorevole e letta rivista mondiale di jazz. Nell’estate del 2011 ha inviato il giornalista James Hale a visitare i Seminari Estivi di Siena Jazz, e nel suo numero in uscita a Gennaio 2012 annuncia il servizio su Siena fin dalla copertina: “Campo estivo di jazz all’italiana”. All’interno una splendida foto di Caterina Di Perri con Lionel Loueke e Miguel Zenon è utilizzata per la prima pagina dell’inserto dedicato alle scuole di jazz, che si apre con ben tre pagine dedicate a Siena Jazz con un’ampia intervista al Presidente Franco Caroni e commenti raccolti tra i molti studenti internazionali che hanno preso parte ai corsi 2011; il sottotitolo annuncia “un Rinascimento italiano” e nell’articolo si sottolinea la singolarità dell’esperienza di Siena Jazz in Italia e a livello internazionale. [Download PDF ]
Il Sole 24 ore // Novembre 2011, [Italy, Italian] / La prima laurea in jazz / Autore: Paolo Fresu // Nonostante il difficile momento dell’Italia e dell’Europa la buona notizia è che a Siena è nata la prima “Libera Università del Jazz” d’Italia. E’ un riconoscimento importante non solo per Siena Jazz, che da oltre trent’anni rappresenta la massima espressione della didattica Jazz in Europa, ma direi per la musica tutta, e soprattutto per quelle espressioni che in Italia non godono di sufficiente attenzione e che vengono ancora relegate al ruolo di linguaggi di nicchia. Un buon segnale, stante la difficoltà a riconoscere a tutte le culture contemporanee lo stesso valore, scardinando l’antica presunzione delle egemonie colte. [Download PDF ]
Musica Jazz // Ottobre 2011, [Italy, Italian] / Verso la libera università del jazz / Autore: Enzo Boddi // Siena Jazz è finalmente avviata verso il riconoscimento, con decreto ministeriale, di libera università del jazz: dopo un primo responso favorevole del Comitato nazionale per la valutazione del sistema universitario, in estate è giunto l’imprimatur del Consiglio nazionale per l’alta formazione [...] [Download PDF]
The Jazz Yearbook // Gennaio 2011, [Italy, Italian] / Verso l’università  // Siena Jazz intende costituire la “Libera Università del Jazz di Siena”. Nello scorso mese di Giugno è arrivata la comunicazione del parere favorevole, espresso all’unanimità, del CONSVU (Comitato Nazionale per la Valutazione del Sistema Universitario) del Dipartimento per l’università, l’alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca del MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca), per l’accreditamento come istituzione abilitata a rilasciare titoli accademici di Alta formazione. [Download PDF]
The Jazz Yearbook // Gennaio 2010, [Italy, Italian] / Tutto nacque da quel libro // Autore: Maurizio Favot // La Fondazione Siena jazz è un’istituzione culturale senza scopo di lucro, nata come Associazione il 9 settembre 1977, ricostituitasi in un’Associazione mista tra pubblico e privato il 20 novembre 1991 e trasformatasi infine il 18 novembre 2005 in Fondazione con il nome: Siena Jazz – Accademia Nazionale del Jazz. Siena jazz dalla sua nascita si è sempre impegnata per la valorizzazione, la diffusione e l’insegnamento della musica jazz e delle sue numerose derivazioni contemporanee di qualità. La trasformazione in Fondazione è avvenuta mantenendo lo stesso progetto artistico e gli stessi soci fondatori dell’Associazione, che sono quindi: Comune di Siena, Provincia di Siena, Associazione Jazzistica Senese. [Download PDF]
Jazz Education Journal // Vol. 38, Issue 6, June 2006, Page(s):41-44 [USA, English] / Siena Jazz School / Author(s): Ashley Kahn // Preview: [...] Fortezza Medicea, through the support of the town, is the site of the Siena Jazz Foundation, or “Fondazione Siena jazz”. The 28-year-old school began as a group of friends in a local garage, and today has grown into one of Europe’s leading jazz-focused institutions. It is a charter member of the Holland-based International Association of School of Jazz (IASJ), with a student body spilling out of the 25 classrooms situated around the Fortezza. [...] [Download PDF]
JazzIt – Jazz Magazine // Year 8, Nr. 34, May-June 2006, Page(s): 92-94 [Italy, Italian] / Un americano a Siena / Author(s): Michael Heller // Preview: Come ci ricordava Stuart Nicholson nello scorso numero della sua rubrica “London Calling” (Jazzit n.33), ancora oggi fra critici e musicisti americani e non solo è opione diffusa che il jazz, quello vero, si faccia negli Stati Uniti (o meglio, a New York) e non altrove. Cosa pensa dunque un musicista americano quando si trova a contatto con una delle più prestigiose scuole di jazz italiane, alle prese con un approccio didattico e una concezione musicale sostanzialmente diversi rispetto a quelli prevalenti negli USA? [...] [Download PDF]